Il muro delle Ande

54° giorno di viaggio 8 gennaio PATAGONIA COAST TO COAST appunti in viaggio di Paolo Pagni da da Palliaco a Loncoche

#patagoniacoasttocoast #cicloturismo #DynamoCamp #EMD112 #finoallafinedelmondo #ciclipacini #lapoderosa #gravel #selleSMP #vadue #patagonia #patagonico #ruta40 #threeface #NRCocchiali #findelmundo #tierradelfuego #andino

 

Il muro delle Ande


Perché il muro delle Ande? Perché è un vero e proprio muro naturale, ad est l’argentina con la sua Patagonia, che spara il suo vento senza tregua un giorno dopo l’altro, ad ovest il Chile, dove tutto il paesaggio cambia; ci sono gli alberi di un verde nauseante e tanta tanta pioggia, tutto questo in meno di 100 km.

Un treno tra le nubi delle Ande

Un treno tra le nubi delle Ande

Oggi 110 km más os menos sotto l’acqua… sempre meglio del vento patagonico, questo è l’anteprima della giornata. Andiamo da Palliaco a Loncoche, altro paesino sperso nel nulla, dove tenteremo di trovare da dormire. Ovviamente speriamo in qualche posto un po’ più decente di quello di ieri sera. Anche questo è il viaggio, ma a lungo andare la privacy, la pulizia, il mangiare decentemente, alla fine mancano, un conto è la teoria e l’altro la pratica.

Hugo il titolare del hospedaje di Paillaco

Il Cile è un paese strano. Io lo definisco un paese di mezzo, di frontiera, dove non c’è niente e nello stesso tempo c’è tutto; basta non guardarsi troppo intorno e non fare troppo gli schizzinosi. Qui in realtà è tutto sporco: dove mangi, posate, bicchieri, piatti, dove dormi, lenzuola, federe, dove ti siedi, le docce che quando vanno sono indescrivibili… Non c’è la cura di niente, né delle persone né delle cose che ti girano intorno.

Finché pedali non hai che da pensare alla fatica, al traffico, alle tracce, a poter bere o mangiare, ma quando ti fermi il mondo ti si stringe addosso… E il nostro essere europei, abituati in un certo modo, alla lunga si fa sentire.

Ormai “Siamo alle porte coi sassi” detto con questo che é uno dei più antichi modi di dire fiorentini. Il suo significato è: “ci siamo quasi”, “il tempo stringe”.

Ormai mancano sei giorni all’arrivo a Santiago del Chile, sempre se tutto va bene. Qui le incognite sono sempre dietro l’angolo e il meteo non ci aiuta.

Poi ci aspettano tre giorni di descanso nella capitale, un po’ ci riposeremo e un po’ andremo a mirare tutto quello che questa fantastica ciudad ci potrà offrire.

Buona notte